Fondo europeo di sviluppo regionale
Passata La Fiammante #solodapomodorofresco

Rendere accessibili al consumatore dati e informazioni sui processi produttivi e di filiera è indispensabile per tutelare l’autentico made in Italy, in particolare quello agroalimentare. Nella Giornata Mondiale per i Diritti dei Consumatori, La Fiammante lancia una nuova campagna per la trasparenza in etichetta: #solodapomodorofresco.

 

La passata La Fiammante è solo da pomodoro fresco, cioè prodotta e imbottigliata nei mesi di raccolta, secondo la stagionalità delle materie prime impiegate.

 

 

Il pomodoro matura in pieno campo solo d’estate e la sua raccolta va da luglio agli inizi di ottobre. Pochi sanno, però, che la sua conservazione segue due strade diverse: c’è chi, come La Fiammante, produce e imbottiglia nei mesi di raccolta e chi, invece, concentra il succo di pomodoro e lo tiene stoccato in silos per poi rilavorarlo e imbottigliarlo, anche a distanza di molti mesi.

 

Sono entrambi percorsi consentiti, sia chiaro, ma mentre un tempo la legge imponeva trasparenza in etichetta, oggi al consumatore resta solo il codice sulle confezioni per scoprire a quando risale la lavorazione del pomodoro che sta acquistando.

 

Il codice può dirci tutto sulla conserva che stiamo acquistando: sul tappo, in etichetta o sul collo della bottiglia, una sequenza di numeri e cifre dà informazioni precise e preziose, anche se di difficile lettura.

 

Il codice è obbligatorio, ma ogni azienda sceglie cosa raccontare. 

 

RR1 LE198 00:17  [esempio]

 

Nella prima parte del codice, La Fiammante specifica lo stabilimento di produzione (RR1 è lo Stabilimento ICAB La Fiammante di Buccino - SA). In coda, La Fiammante esplicita anche l’orario preciso di produzione della conserva (00:17, turno notturno).

 

Nella parte centrale del codice, obbligatoria per tutte le aziende, sono indicati l’anno e il giorno di produzione: in questo esempio, la L indica il lotto. La lettera seguente è diversa di anno in anno: il 2020 è identificato dalla lettera E. Il numero del giorno è progressivo, dal 1 gennaio a 365, che indica il 31 dicembre: ad esempio, il numero 198 indica il 17 luglio.

 

Se il numero del giorno indicato non è compreso tra 190 e 290, il pomodoro in conserva è stato concentrato, stoccato e imbottigliato anche a distanza di mesi dalla raccolta.

 

Una pratica produttiva consentita, lo ripetiamo, ma non del tutto trasparente nei confronti del consumatore ignaro dei segreti del codice. Fino a qualche anno fa, infatti, si poteva leggere in etichetta “solo da pomodoro fresco” per essere certi che la passata fosse fresca e fragrante, cioè prodotta secondo stagionalità. Oggi non più.

 

La campagna La Fiammante #solodapomodorofresco vuole informare i consumatori e sensibilizzare i media sulla necessità di promuovere la trasparenza in etichetta, a tutela della qualità e delle filiere autenticamente italiane.

CONDIVIDI SUI SOCIAL NETWORK

Lascia un commento!

captcha


Ho letto ed accetto la privacy