Fondo europeo di sviluppo regionale
#pizzaUnesco #contest è tornato e va fortissimo

Atteso per la fine del 2017 il riconoscimento Unesco, reclamato a gran voce da professionisti del settore e personalità di ogni latitudine per sancire il valore indiscusso dell'Arte dei Pizzaioli Napoletani come Patrimonio Immateriale dell'Umanità, a partire dalla petizione mondiale lanciata da Fondazione Univerde.

 

E nell’anno decisivo, forte del successo riscosso nella precedente edizione, torna #pizzaUnesco contest di Mysocialrecipe, realizzato in collaborazione con La Fiammante a sostegno della campagna: una nuova competizione internazionale lanciata durante il Napoli Pizza Village (17 giugno), che proseguirà fino all' 11 settembre, per rilanciare le ragioni di un’arte nobile e antica, in costante rinnovamento. 

 

Ancora più prestigiosa la GIURIA, presieduta quest’anno dal direttore delle guide dell'Espresso Enzo Vizzari, e composta da Fiammetta Fadda, giornalista enogastronomica,  Allan Bay, giornalista enogastronomico, Eleonora Cozzella, giornalista di Repubblica Sapori, Giorgio Calabrese, Presidente della sezione "sicurezza alimentare" del Comitato Nazionale Sicurezza Alimentare, Scott Wiener, giovane e seguitissimo foodblogger americano (segretario di giuria: Tommaso Esposito, giornalista enogastronomico).

 

Tante le novità nella nuova edizione, tra cui le menzioni speciali

  • "Pizza in the World" (Luciano Pignataro Wine Blog),
  • "Pizza funzionale ed alternativa" (Nazionale Italiana Pizzaioli),
  • "Pizza senza glutine" (Ristorazione Italiana Magazine), 
  • "Miglior Pizza al Pomodoro" (a cura de La Fiammante).

 

E già dai primissimi giorni tantissime le registrazioni, con una folta rappresentanza dall’Estero (Stati Uniti, Cina, Colombia, Polonia, Belgio, Marocco e Norvegia) e più di 10 pizzaiole donne in lizza, tra cui: Marzia Buzzanca con la sua "Senza Nome", Isabella De Cham con la pizza fritta "Posillipo", Teresa Iorio con "Femmena e fritta", Milena Natale con "La Leuciana", le sorelle Caterina e Antonella Rusciano rispettivamente con la "Soleado" e "Marù", Jasmine Vernetti con la "Yellow Queen", Angela Palmieri con la "Pizza fritta montanara con pesto", Filomena Palmieri con la pizza "Gusto antico" e Sara Palmieri con la "Costiera Amalfitana". 

 

 

Da segnalare, infine, le menzioni speciali assegnate dai partner di Mysocialrecipe: "Migliore pizza per gli aspetti nutrizionali" (a cura di Legambiente), "Pizza Slow - migliore pizza per la territorialità" (a cura di SlowFood), "Pizza Pop- la più letta sul web" (a cura di Mysocialrecipe), "Migliore pizza per l'originalità degli ingredienti" (in collaborazione con La Federazione Italiana Cuochi), "Miglior abbinamento Vino - Pizza" (a cura dell'Associazione Italiana Sommelier), "Migliore Pizza per l'impasto" (a cura di Ferrarelle), "La pizza è anche fritta" (a cura della rivista Italia a Tavola). 

 

#pizzaUnesco contest si conferma la più grande kermesse del mondo della pizza sul web, non resta che ammirare le pizze originali che ogni giorno arricchiscono le pagine del portale, in attesa dei 10 finalisti scelti dai giurati che saranno invitati a partecipare alla finale live nel corso della serata evento il 14 novembre a Napoli.

CONDIVIDI SUI SOCIAL NETWORK

Lascia un commento!

captcha


Ho letto ed accetto la privacy