Fondo europeo di sviluppo regionale
Spaghetti alla Puttanesca

Ecco un vero cult della Cucina Napoletana, anche conosciuto come “aulive e cchjapparielli”, cioè sugo con olive e capperi (che nel Lazio si arricchisce di acciughe). Il pudore borghese ne ha frequentemente modificato il nome con un più morigerato “alla buonadonna” o “alla malafemmina”, ma tutti conoscono quello originario, che è stato oggetto negli anni di agguerriti studi etimologici. Alcuni sostengono che il nome derivi dalla ricetta del proprietario di una casa di appuntamenti dei famosi e famigerati Quartieri Spagnoli di Napoli, altri invece riportano la versione di Jeanne Carola Francesconi che attribuisce la ricetta al pittore ischitano Eduardo Colucci, come variante del più semplice sugo alla marinara.

Di sicuro è il sugo di pomodoro più mediterraneo che ci sia, con i suoi profumi fragranti, le olive nere di Gaeta e i capperi dissalati. Questa splendida interpretazione degli Spaghetti alla Puttanesca, con i fragranti pomodori pelati La Fiammante, ci arriva da Enrica dal blog Chiarapassion – Fashion di Gusto,con l’aggiunta di gossip secondo cui il piatto sarebbe stato dedicato dalla star TV dei fornelliNigella Lawson alla nuova compagna dell’ex-marito. Che dire, tutto il mondo è paese… ;)

CONDIVIDI SUI SOCIAL NETWORK

Lascia un commento!

captcha


Ho letto ed accetto la privacy